Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
umamiarea
Facebook Twitter Youtube Newsletter
Andrej Godina
Andrej Godina FacebookAndrej Godina TwitterAndrej Godina YoutubeAndrej Godina Instagram

14/12/2017

di Andrej Godina

Processo al caffè: tradizione vs. Ivvovazione

Napoli, 14 dicembre 2017: modarati da Circo Cacciola, Andrej Godina e Dario Ciarlantini invitati al convengo Gran Caffè Italia del CIC

Napoli, 14 dicembre 2017 - Durante il convegno di Napoli organizzato dal Comitato Italiano Caffè un'interessante e vivace dibattito ha animato il programma del convegno.

Di seguito la trascrizione intergrale.

Ciro: sono felice di presentarvi i nostri due ospiti per questo dibattito che vuole raccontare il caffè in modo insolito ed inusuale. Andrej reciterà la parte dell’innovazione, mentre Dario quella della tradizione, anche se ci sarà qualche punto di convergenza.
 
Dario: sì Ciro, personalmente sono un fan di chi lavora bene, degli operatori che curano l qualità del prodotto e di chi crede nella vera formazione, quella di qualità. L’orientamento alla formazione al consumatore è necessaria.
 
Andrej: il tema del sibattito, quello dell’innovazione, ènecessario declinario alla luce di quanto oggi voglia dire innovazione nel campo del caffè. Mi soffermo su una riflesisone, ovvero 24 anni fa quando iniziai l’attività in questo campo l’innovazione era fare formazione ai baristi, poi fu la mia formazione innovativa con la frequentazione del dottorato di ricerca presso l’Università di Trieste, poi il periodo di consulenze alle aziende di settore, successivamente la divulgazione della cultura del caffè di qualità al consumatore con gli eventi Io bevo caffè di qualità e Pausa Caffè Festival, mentre oggi l’ultima frontiera è l’integrazione della filiera di produzione del caffè per dimostrare che può essere una filiera sostenibile. Il progetto Umami Area Honduras ne è l’esempio concreto – www.umamiareahonduras.com Questo tema mi sta particolarmente a cuore in quanto oggi, spesso, per il piccolo produttore di caffè produrre un caffè di qualità non è economicamente sostenibile.
 
Ciro: Andrej ci stai prospettando uno scenario che necessita di un cambiamento?
 
Andrej: si, l’innovazione in questo ruolo durante l’intervento qui a Napoli ha lo scopo di sottolineare quanto un cambiamento sia necessario, non solamente per il presente della filiera italiana del caffè espresso ma forse ancora di più per assicurargli un futuro di successo.
 
Ciro: abbiamo deciso di ragionare con voi con una serie di hashtag, pochi ma efficaci. Il primo di questi è #cambiamento e #sostenibilità.
 
Dario: inizio questo intervento sul caffè verde citando il Vietnam, secondo produttore mondiale di caffè e forse non tutti sanno che il paese sta cambiando, si sta orientando a una maggiore qualità, anche loro hanno capito che produrre un caffè migliore è necessario. La qualità rende di più commercialmente, lo stanno capendo e attuando in tutto il mondo a livello internazionale, alcuni di noi probabilmente non lo capiscono. Su questo punto mi sento più vicino alla visione di Andrej, alcuni sono ancora ancorati alla tradizione del caffè che si produceva cinquant’anni fa, tutto il mondo del caffè verde sta cambiando, ma è opportuno alzare il livello, alzare l’asticella.
 
Andrej: la qualità del caffè verde in questi ultimi anni è cambiata molto. Quando ho iniziato l’attività di perito merceologo nel porto di Trieste il caffè aveva dei profili sensoriali differenti rispetto a quelli di oggi, il classico Etiopia Sidamo di 15 anni fa non è più lo stesso caffè che troviamo oggi sul mercato e così succede con tutti i paesi di origine. E poi nuovi paesi produttori come l’Honduras si stanno imponendo a livello internazionale scalando le classifiche dei paesi di produzione offrendo sul mercato nuove tipologie di caffè. E’ anche vero che la SCA - Specialty Coffee Association e il movimento della third wave ha fatto si che dai caffè commerciali si sono estrapolati micro lotti di caffè di alta qualità che una volta venivano mescolati nei lotti più grandi creando due tipologie di prodotto che in passato non c’erano ovvero i caffè specialty e i caffè commerciali, che ora si ritrovano depauperati da un punto di vista qualitativo.
 
Ciro: che cosa vuoi dire da tutto ciò ai torrefattori italiani?
 
Andrej: quello che suggerisco è un ripensamento al prodotto. A volte mi capita di entrare in una torrefazione italiana e di chiedere qual è la miscela e quali origini la compongono? E spesso la risposta è “E’ un segreto, non possiamo svelarlo?”. E quindi chiedo poi come è cambiato l’approvvigionamento della materia prima e come è variata la qualità della miscela e la risposta è “non è cambiato nulla, è così da 60 anni!”. Allora mi faccio un punto di domanda sulla filosofia di prodotto: si vuole davvero rimanere ancorati a una tradizione antica ma che non è tanto dettata da una scelta filosofica ma dall’incapacità di gestire le variazioni di materia prima e della ricetta della miscela o si vuole garantire al consumatore una medesima qualità di tazza?
Ora vedo sullo sfondo la proiezione del video del progetto Umami Area Honduras inerente la sostenibilità di produzione di un caffè di qualità l’argomento lo vorrei spostare sull’Honduras: in pochi anni è divenuto uno dei più importanti produttori a livello mondiale e mi piacerebbe sapere quanti dei torrefattori italiani conoscono questa origine, quanti l’anno usata per sostituire altre origini di caffè con caratteristiche di tazza sensoriali fungibili e quanti sono stati nel paese a visitarne le piantagioni.
Ritornando sul tema della qualità è necessario sottolineare come la Specialty Coffee Association of America ha dettato un rigido protocollo di valutazione del caffè a cui viene assegnato un punteggio. Nel panorama italiano ho riscontrato che pochi torrefattori sanno di cosa stiamo parlando, generalmente in Italia non si assaggia il caffè con il metodo cupping dando un punteggio al caffè e ciò a volte crea confusione tra gli operatori che si trovano a ricevere i listini prezzi di venditori esteri che indicano un punteggio e poi non essere capaci a riconoscerne la qualità.
 
Dario: quindi la SCAA cupping form lascia il tempo che trova? Alcuni torrefattori non trovano riscontro sui punteggi assegnati dai trader di caffè verde o dai paesi di origine o viceversa comprare caffè con punteggi alti come per esempi 87/100 e non saperla riconoscere in tazza o riconoscere che quel caffè specialty non è adatto all’espresso.
 
Andrej: il problema della filiera del caffè espresso è a mio parere è che già da qualche decennio abbiamo abbandonato la community dello Specialty Coffee a se stessa e quindi questa community si è creata un loro protocollo di preparazione del caffè e una valutazione qualitativa. Al mondo il metodo di preparazione più usato per il caffè è il metodo a filtro quindi il metodo di valutazione in tazza è studiato per il caffè filtro. Infatti i caffè che vincono le competizioni della Cup of Excellence sono caffè eccellenti per il filtro e non per l’espresso.
E quindi ora una domanda: perché la filiera del caffè espresso italiano non ha promosso una sezione della Cup of Excellence per l’espresso?
 
Ciro: l’hashtag successivo è #sostenibilità. Andrej che cosa hai da dire su questo argomento e quale innovazione vedi sul mercato.
 
Andrej: questo è un tema che mi sta particolarmente a cuore, è ormai da qualche anno che con l’associazione Umami Area organizzo viaggi di formazione in piantagione per operatori di settore, in tre anni abbiamo portato circa 500 persone a formarsi sul tema del caffè di qualità con progetti in diversi paesi di produzione nel mondo. In Honduras abbiamo deciso di iniziare un progetto che dimostri la sostenibilità della filiera, dove il produttore abbia l’opportunità di guadagnare il giusto profitto. Molto spesso il piccolo produttore di caffè non riesce a produrre caffè in modo sostenibile, spesso non riesce a coprire le spese di coltivazione. A volte succede, proprio a causa di questo tema, che tanti piccoli produttori di caffè sostituiscono il caffè con altre coltivazioni considerate più redditizie. La sostenibilità si declina anche in un tema importante nei paesi di consumo, è vero Dario?
 
Dario: sì la sostenibilità della tazzina di caffè espresso deve essere sostenibile, se il prezzo della tazzina non supporta la sostenibilità a monte, diviene una filiera non sostenibile. Sul tema della produzione in origine di un caffè sostenibile ci credo ma con qualche perplessità sul tema delle certificazioni e del caffè certificato biologico, spesso si parla di biologico nel mondo del food e poi scopriamo che una grande percentuale non lo è veramente. Se utilizziamo la sostenibilità per “lavarci la faccia” non serve a nulla ma se usiamo la sostenibilità in modo vero dobbiamo presentarci al consumatore con una storia e con una filiera sostenibile che impone un prezzo della tazzina più elevato. Non è possibile che questi piccoli spot di biologico che vediamo ogni tanto sul mercato e che magari ci fanno andare a dormire più tranquilli sono pochi, è necessario un progetto di filiera più a lungo termine.
 
Andrej: per esempio in Honduras dove abbiamo comprato la piantagione la cooperativa locale COCAFCAL riesce a sopravvivere solamente grazie al premium biologico e fairtrade senza il quale non sarebbero in grado di supportare in modo sostenibile la produzione di caffè di qualità. In questo senso questo premium si deve trasferire nei passi successivi della filiera.
 
Dario: qui c’è il Comitato Italiano Caffè, a me piacerebbe vedere qualche progetto che possa unire tutti, alla fine sulla filiera c’è qualche piccolo progetto di sostenibilità che alcune aziende propongono ma il restante 99% della produzione è sostenibile? Proviamo a rendere sostenibile un parametro concreto di miglioramento della sostenibilità che a lungo termine potrebbe dare un vero beneficio.
 
Andrej: prima di termine il tema della sostenibilità mi piacerebbe che nella filiera italiana del caffè alcuni temi e termini che qui mi sono segnato venissero più discussi, che se ne scrivesse di più e che venissero in qualche modo applicati in modo maggiormente diffuso tra le aziende: ecologia, bioeconomia, green economy e economia circolare, temi sui quali la filera del caffè potrebbe riflettere e dare degli spunti innovativi di applicazione.
 
Ciro: l’hashatg successivo è #innovazione. Dario su questo punto tu vorresti partire con una domanda vero?
 
Dario: si Ciro, la domanda è quasi banale e interessa tutti quanti, “Esiste una definizione di espresso che accomuna l’espresso di Bolzano e quello di Napoli?” Come alcuni di voi sanno circa un anno fa abbiamo organizzato una riunione per parlare sul tema di una scheda di assaggio per la valutazione del caffè verde per l’espresso. E’ stata una riunione interessante, finora la valutazione del caffè verde è stata fatta con il metodo cupping in infusione, ma per i torrefattori italiani con il caffè viene valutato assaggiandolo in espresso. Ogni torrefattore italiano che assaggi all’espresso utilizza una sua propria scheda di assaggio. Lo scopo sarebbe quello di arrivare a una scheda di valutazione del caffè verde per l’espresso comune per tutti, sarebbe un nuovo strumento di contrattazione nei paesi di origine in modo da contrattare il prezzo per il caffè per l’espresso condivisa da una scheda comune. Se diamo dei parametri oggettivi uguali per tutti diveniamo molto più forti nei confronti della filiera e nella contrattazione. Io penso che all’estero non la vogliono questa cosa perché sanno che ciò ci renderebbe più forti ecco perché questa iniziativa da italiano la desidero fortemente: all’estero andiamo sempre divisi senza riuscire a fare filiera.
 
Andrej: Dario ma esiste una definizione di espresso italiano? Ha senso parlare di espresso italiano?
 
Dario: io ho una mia idea… è brutto vedere spesso sul mercato sulle macchine espresso, sui macinacaffè l’etichetta e il marchio “espresso italiano” però penso che il percorso intrapreso dal CIC di voler dare una base è utile soprattutto all’estero.
 
Andrej: io sinceramente vedo in Italia una grande frammentazione, l’espresso che si beve a Napoli non è uguale a quello che si beve a Bolzano, da un punto di vista organolettico e di ricetta di preparazione della tazzina parliamo di due cose differenti. Per non parlare di un terzo espresso ovvero di quello della third wave, ovviamente ancora di una piccola nicchia di mercato ma parliamo di una bevanda ancora differente. Io sinceramente sono perplesso perché già è complesso dare una definizione di espresso in Italia e in più andare in origine con una scheda di assaggio di espresso non è facile: per quanto riguarda il mondo del caffè verde vedo molto più semplice prendere il metodo di assaggio alla brasiliana e di utilizzare la scheda della CoE e declinarla sull’espresso.
In termini d’innovazione vorrei ancora parlare di bar italiano dove assieme al caffè vengono offerti panini, aperitivi, slot machine, gratta e vinci, oramai è divenuto una sorta di supermercato dove alla fine il caffè rappresenta uno dei prodotti che il barista conosce dimeno, ecco che mi piacerebbe parlare di trasversatilità, di formazione , di innovazione. Perché la filiera dell’espresso italiano non fa un’operazione su fronte comune per rendere l’espresso una bevanda comune e usata dove si creano i trend e le modo internazionali tra i giovani, perché non aprire un espresso village nella silicon valley, nelle sedi di Google e Microsoft, Samsung, LG, Mercedes Benz… luoghi per ora lasciati al caffè filtro e ai nuovi metodi pour over third wave.
 
Ciro: ci stai dicendo che i giovani sono un target di consumatori su cui noi dovremmo puntare di più?
 
Dario: io vedo che l’espresso c’è sempre, non vedo sinceramente che queste nuove tendenze fanno calare i consumi di espresso. E’ da molti anni che faccio il barista e preparo molti caffè macchiati, i maxi cappuccini.
 
Andrej: ma queste preparazioni non è che vengono richieste così tanto perché in realtà non piace l’amaro intenso che spesso l’espresso da solo presenta in tazza?
 
Dario: …o non piace l’acido? A me personalmente al mattino o per il coffee break di metà pomeriggio sentire aromi di frutta matura in un espresso e percepire l’acidità in un espresso mi dà un po’ fastidio. Durante i corsi di formazione che faccio quante volte mi capita di sentirmi dire che il caffè è amaro invece è acido, questo perché la gente non è abituata al gusto acido e lo riconduce a qualcosa di negativo, invece il gusto amaro lo riconduce proprio al gusto del caffè che è quello che la mattina ci sveglia.
 
Andrej: al di la della percezione dei gusti e di ciò che piace o non piace vorrei andare nuovamente a monte, nel mondo della materia prima e definire un caffè privo di difetti, o anche come si dice in gergo “clean cup”. E la domanda successiva è: “come definiamo il difetto nel campo del caffè?”. Propongo alla sala per alzata di mano:
L’amaro eccessivamente intenso è un difetto? Si.
L’acidità è un difetto nel caffè? Se è equilibrata no.
L’aroma di legno è un difetto? Si.
L’aroma di terra  è un difetto? Si.
L’astringenza è un difetto? Si.
L’aroma di mirtillo è un difetto? No.
 
Dario: chi preferisce in tazza l’aroma di mirtillo, di frutta matura o di cioccolato fondente? Io preferisco il cioccolato.
 
Una domanda dal pubblico: ma in quanti bar è possibile bere un caffè espresso con aromi di mirtillo?
 
Andrej: per dire la verità ho preso questo appunto perché nell’aerea caffetteria allestita dal CIC potete assaggiare un caffè filtro keniota con un profilo aromatico di frutta rossa di bosco in cui il mirtillo esce in modo predominante. Rispondendo alla domanda credo che in Italia i bar che servono questo tipo di caffè, con questo tipo di profilo aromatico, sono molto pochi perché parliamo di caffetteria specialty.
 
Dario: io voglio conservare la tradizione dell’espresso italiano dove profili sensoriali di cioccolato rispetto a quelli della frutta sono sempre stati presenti nel caffè italiano.
 
Andrej: sono d’accordo con te parzialmente, i tipici sentori aromatici del caffè espresso italiano sono dettati storicamente da miscele composte da alcuni paesi di origine e con certe percentuali quando sul mercato del caffè verde non esistevano gli specialty coffee. Oggi caffè con profili sensoriali nuovi sono disponibili sul mercato… il problema è che la filiera del caffè espresso italiano ha abbandonato la community dello specialty e spesso non sa nemmeno di cosa stiamo parlando.
 
Dario: bisogna però sottolineare come ora nel mondo la tendenza del mondo specialty è quella di fare un passo indietro sulle acidità esasperate che fino a poco tempo fa caratterizzavano i caffè specialty tornando a profili sensoriali più equilibrati, tornando un po’ indietro alla dolcezza.
 
Andrej: sì è vero Dario ma a mio parere non si è trattato tanto di un problema di materia prima ovvero di utilizzo di caffè lavati ma di un problema di tostatura che è stata proposta dalla community specialty senza know how e quindi con profili di cottura non adatti all’espresso.
 
Ciro: arriviamo così al prossimo argomento che viene proposto con l’hashtag #internazionalità. Dario inizi tu secondo tradizione parlando dei metodi di estrazione?
 
Dario: Noi italiani abbiamo l’espresso che tutti noi conosciamo, dobbiamo valorizzare e potenziare però anche la moka e la napoletana sono due sistemi di estrazione da valorizzare. Durante i miei corsi di metodi a filtro faccio un caffè con la napoletana e generalmente i partecipanti al corso preferiscono questo metodo. Fra napoletana e moka preferisco la napoletana.
 
Andrej: la moka ha fatto il suo tempo! Ha a suo vantaggio un costo molto basso, è semplice da usare ma tecnicamente eroga un’acqua con temperatura troppo elevata che provoca l’estrazione di molte sostanze amare, aromi bruciate e astringenti. Valorizziamo piuttosto la napoletana con la quale possiamo controllare a temperatura dell’acqua, estraiamo una bevanda simile al caffè a filtro e usiamo i sistemi di estrazione pour over.
Per far parlare dei metodi di estrazione e fare cultura sul caffè specialty con Romedia Studio di Roma abbiamo fatto un esercizio di divulgazione con il quale è stato prodotto il film Coffees: Italians do it better(?) che affronta la third wave in Italia, annuncia l’arrivo di Starbucks, presenta nuovi metodi di estrazione del caffè e denuncia in qualche modo una sorta di pigrizia della filiera del caffè italiana che spesso si è seduta sugli allori e che ora si affanna a rincorrere le nuove tendenze internazionali del caffè di qualità. Sollecito quindi la filiera del caffè in Italia a non attendere che arrivi dall’estero qualche operatore a proporre nuovi ed innovativi metodi di preparazione per i nostri giovani come per esempio il cold brew in bottiglia ma di anticipare e innovare direttamente noi nel nostro paese. Allo stesso modo stiamo attendendo che qualcun altro venga in Italia per offrire il “frapuccino” e mi sembra che non manca tanto e a breve avremo la più grande catena al mondo di caffetterie a farlo nel nostro paese.
 
Ciro: Dario secondo te servono maggiori #investimenti?
 
Dario: si sono necessari maggiori investimenti e maggiore coraggio. Sono tanti anni che dico “basta” allo straniero, stiamo vivendo da tempo con continue sollecitazioni dall’estero che in qualche modo ci spronano. Io chiedo ai presenti: ce l’abbiamo l’orgoglio, la capacità di investimento, il know how, l’esperienza per poter non farci salvare dallo straniero? La storia ci insegna che lo straniero ci salva, c’è stato lo shock della trasmissione Report, c’è qualcuno che ha detto che è servito, qualcuno ha detto che non ha cambiato nulla, per quanto riguarda il tema della pulizia dell’attrezzatura qualcuno ha detto che per il suo caffè non è necessaria… Report è stato traumatico, per certi versi ha tolto qualcosa. Ora stiamo attendendo l’apertura di Starbucks, un altro trauma, qualche azienda si sta muovendo a causa della prossima apertura a Milano ma dobbiamo sempre essere noi ad attendere che qualcun altro ci spinga al cambiamento? Non abbiamo l’utenza per poter osare?
 
Andrej: io userei con fermezza la parola formazione quale chiave per innovare il comparto del caffè italiano. Bellissime e utili le offerte di formazione e di master sul caffè che ci sono in Italia peccato che la maggior parte dei posti sono riservati esclusivamente a persone provenienti dai paesi produttori di caffè. Perché la formazione non viene maggiormente indirizzata ai nostri giovani che diventeranno i futuri imprenditori della nostra filiera, rafforzare la formazione degli istituti alberghieri e formazione a 360°. Un’esperienza positiva in questo senso è che i finanziamenti ci sono, Umami Area assieme alla NGO tedesca Starkmacher hanno presentato alla commissione europea un progetto di formazione sul caffè per giovani disoccupati europei spalmato su quattro anni ottenendo un finanziamento attraverso il programma Erasmus + di 200.000 euro con i quali sono stati formati 400 ragazzi di giovani europei e di tre paesi produttori di caffè.
 
Dario: la formazione degli istituti alberghieri sono luoghi chiave dove formare i giovani baristi che lavoreranno nella filiera. Ormai tante torrefazioni e aziende produttrici di attrezzatura per l’espresso hanno al loro interno un proprio trainer specializzato, io direi che tutte le aziende dovrebbero averlo, che possano parlare un linguaggio comune e che siano efficaci capillarmente sul territorio. Ovviamente formatori indipendenti, calibrati su concetti di verità e di formazione sul caffè di qualità. Quindi la mia sollecitazione è per ciascuna torrefazione di trovare un formatore che possa all’interno essere formato e che possa formare a sua volta i clienti nel territorio locale, questo è il futuro che ci aspetta.
 
Andrej: oltre alla formazione propongo di sostenere i campioni italiani baristi che in tutte le varie discipline proposte dal World Coffee Event possano rappresentare degnamente l’Italia alle finali mondiali. Chissà se il CIC possa fare questo ruolo, magari con i suoi soci che si autotassano per poter finanziare questo tipo di attività e potersi presentare così con maggior prestigio.
 
Dario: faccio un’altra proposta che riguarda la qualità della tazza, a volte capita di bere un caffè difettato a causa dell’attrezzatura per l’espresso lasciata sporca dal barista. Perché non fare una proposta legislativa all’ASL che deve rendere obbligatoria la pulizia con gli appositi detergenti l’attrezzatura al bar al fine di eliminare dal mercato decine di migliaia di tazzine difettate per questo motivo? Così facendo potremmo rendere la qualità di tazza migliore con una semplice azione legislativa.
 
Ciro: bene, la prossima volta faremo il processo al barista!
Ringrazio Andrej Godina e Dario Ciarlantini per questo interessante e vivace dibattito che ha dato numerosi spunti di riflessione.
 
 
0 commenti

01/10/2017

di Andrej Godina

Umami Area Honduras offre stage formativi in piantagione di caffè

In Honduras Umami Area offre periodi di formazione sulla coltivazione e processamento del caffè in partnership con la cooperativa COCAFCAL

Umami Area Honduras SA de CV assieme all'associazione Umami Area Italia e alla cooperativa COCAFCAL di Las Capucas in Corquin, Copán, in Honduras offre periodi di stage formativi nell'area occidentale del paese dove si coltiva caffè arabica di qualità, vicino al confine con il Guatemala e il El Salvador.

Il periodo di stage offre la possibilità a giovani baristi, torrefattori, semplici appassionati di caffè di formarsi sulla coltivazione e sulla gestione del lavoro in piantagione svolgendo attività sul campo e in laboratorio assaggi per determinare la qualità dei singoli lotti di produzione. L'attività di formazione in piantagione si completa con la formazione in aula sugli argomenti del caffè verde, tostatura del caffè, assaggio tecnico, espresso e cappuccino, metodi a filtro.

I periodi di stage vanno dai 6 ai 12 mesi durante i quali Andrej Godina, caffesperto, presidente di Umami Area Honduras SA de CV coordinerà il periodo formativo alternando workshop pratici in piantagione e sessioni di formazione in aula sull'assaggio tecnico del caffè e sulla selezione dei difetti sul caffè verde. Gli argomenti che i candidati avranno modo di apprendere sono:
- gestione di una piantagione di caffè: fertilizzazione, potatura, gestione degli alberi ad alto fusto per l'ombreggiatura;
- diversificazione della produzione con frutta tropicale e miele;
- pratiche di coltivazione per ottenere le certificazioni biologico e faitrade;
- la raccolta hand picking del caffè
- il processamento del caffè: metodo naturale, semi-lavato, honey e lavato;
- l'asciugatura meccanica e in serra dei chicchi in petgamino;
- la preparazione dei chicchi e la selezione dei difetti per l'esportazione.

Il periodo della raccolta del caffè nell’area di Las Capucas va da ottobre a inizio aprile di ogni anno: questo periodo è sicuramente quello più interessante da sperimentare per lo stage formativo al fine di vivere dal vivo tutte le fasi di raccolta e processamento del caffè. Il laboratorio assaggi della cooperativa COCAFCAL durante il periodo della raccolta è particolarmente impegnato nella determinazione della qualità dei singoli lotti di caffè prodotti dai soci membri, occasione unica per una formazione sull’assaggio del caffè direttamente sul campo.
 
0 commenti

01/08/2017

di Andrej Godina

Espresso e filtro richiedono la stessa curva di tostatura. Falso.

Un breve saggio sulla tostatura del caffè per i metodi espresso e filtro, dettato dall'esperienza di assaggio e dalla caratterizzazione sensoriale di tazza.

umami barista camp ELEKTRA caffe` tostato.jpg
Tecnicamente il metodo di preparazione espresso e quello a filtro forniscono acqua di erogazione con parametri completamente differenti. Il metodo espresso eroga acqua calda a circa 92°C con una pressione di 9 atmosfere per un periodo corto di circa 25-30 secondi su una porzione di caffè macinato molto fine a differenza dei metodi a filtro e a infusione che forniscono acqua calda sul caffè macinato più grosso alla temperatura di circa 94-96° centigradi e ad pressione ambiente, per un tempo più prolungato che raggiunge anche i quattro minuti.

Queste macro differenze in termini di temperatura e pressione dell’acqua determinano una diversa estrazione dei componenti chimici bel caffè tostato che necessitano differenti profili di tostatura del caffè verde. Il caffè per espresso deve avere un colore di tostatura più scuro rispetto a quello del caffè a filtro per garantire alla bevanda un maggiore spessore di crema, una complessità aromatica e cosa importante, una corposità più intensa con un retrogusto persistente. Una tostatura più chiara nei metodi a filtro, in particolare perché il tempo di contatto acqua caffè è molto più elevato, permette di avere in tazza un gusto meno amaro, più acido e dolce, con una maggiore morbidezza tattile al palato, accompagnato dalla complessità aromatica molto più floreale e fruttata.

Di conseguenza diffidate dal tostatore che per meri motivi logistici e di produzione propone lo stesso caffè con lo stesso grado di tostatura per qualsiasi metodo di estrazione: quel colore di tostatura sarà leggermente più scuro rispetto a quello ideale per i metodi a filtro e sarà leggermente più chiaro rispetto a quello ideale per il metodo espresso. Spesso capita in locali e caffetterie "specialty" di degustare un caffè espresso eccessivamente acido e questo spesso è dovuto a un colore di tostatura del caffè troppo chiaro. Perchè da un punto di vista sensoriale e inconscio del consumatore un caffè troppo acido è sgradevole? Semplice, perchè in natura la frutta immatura ovvero quella che deve attendere ancora tempo per raggiungere la maturazione è spiacevolmente acida e comunica all'inconscio che non è ancora stato raggiunto il grado di maturazione che potrà dare al nostro fisico il massimo in termini di apporto calorico e di vitamine.

Nel mondo degli "spcialty coffee" si è diffusa una decina di anni fa l'abitudine a tostare troppo chiari i caffè per la preparazione in espresso e questo fenomeno, soprattutto dettato da piccoli operatori del Nord Europa e del Nord America che si sono improvvisati anche tostatori, è stato priciniplamente dovuto alle seguenti ragioni:
- tostare un caffè chiaro è più facile che tostare un caffè più scuro senza oltrepassare il limite che rende quel caffè in tazza troppo amaro;
- il caffè tostato chiaro ha un processo di degasaggio più lungo e quindi permette una shelf life più lunga;
- i micro torrefattori specialty all'inizio del cosiddetto fenomeno della third wave erano semplicemente dei baristi divenuti improvvisamente e senza formazione torrefattori.

Si è così diffusa per necessità e per mancanza di formazione professionale l'abitudine in questi ambienti di consumare caffè eccessivamente acidi con uno spreco di materia prima non indifferente. Pensate che un colore di tostatura chiaro in espresso necessita per produrre una tazza di caffè espresso con un sufficiente spessore di crema e un corpo accettabile quantità di caffè a volte anche di 20 grammi per un caffè doppio rispetto a una quantità di 15-16 sufficienti per lo stesso caffè tostato correttamente e più scuro. Supponiamo che la caffetteria consuma 3 kg di caffè  al giorno che moltiplicato per 350 giorni lavorativi fanno 1.050 kg all'anno. Nel caso dei 16 grammi si producono 65.625 espressi, mentre con 20 grammi il numero scende a 52.500 con una differenza di 13.125. Cnsideriamo che nella peggiore delle ipotesi  questo caffè specialty abbia un prezzo di vendita di 1,5 euro a tazza, si tratta quindi di un mancato fatturato di 19.687,50 euro.

Credete ancora che applicare uno stesso colore di tostatura abbia un senso da un punto di vista sensoriale e che un colore chiaro sia adatto al metedo espresso?
 
 
0 commenti

03/07/2017

di Andrej Godina

La metodologia di assaggio del caffè per il Controllo Qualità

L'assaggio tecnico del caffè prevede differenti metodologie di preparazione della bevanda per il controllo qualità: assaggio alla brasiliana, espresso e filtro.

5 - ANDREJ GODINA - L
Il Controllo qualità del caffè sulla filiera del caffè necessità in ciascun passaggio della catena di produzione di un differente protocollo di preparazione e valutazione della bevanda. Il primo passaggio nella valutazione della qualità di un caffè è in piantagione, ovvero nel paese d'origine, dove grazie allo SCAA cupping protocol il produttor edi caffè può valutare la qualità delle sue pratiche agricole al fine di produrre una amteria prima che possa dare caratteristiche sensoriali elevate. In questa fase è cruciale la curva di tostatura con la quale il campione per l'assaggio viene preparato.

Il protocollo SCAA definisce quanto segue:
- the sample should be roasted within 24 hours of cupping and allowed to rest for at least
8 hours.
- Roast profile should be a light to light-medium roast, measured via the M-Basic (Gourmet) Agtron scale of approximately 58 on whole bean and 63 on ground, +/- 1 point (55-60 on the standard scale or Agtron/SCAA Roast tile #55).
- The roast should be completed in no less than 8 minutes and no more than 12 minutes.
- Scorching or tipping should not be apparent.
- Sample should be immediately air-cooled (no water quenching).
- When they reach room temperature (app. 75°F or 20°C), completed samples should then be stored in airtight containers or non-permeable bags until cupping to minimize exposure to air and prevent contamination.
- Samples should be stored in a cool dark place, but not refrigerated or frozen. 


Al variare della curva di tostatura anche se rimane invariato il colore, il tempo e la temperatura finale, la qualità di tazza potrebbe cambiare. In questo caso si consiglia l'utilizzo di tostini da laboratorio come IKAWA PRO coffee sample che permette, attraverso la APP per iPhone e iPad di disegnare il profilo di temperatura desiderato e il firmare della macchina provvederà a seguire sempre, con estrema precisione e ripetibilità.

Proseguendo sulla filiera di produzione del caffè, una volta stabilite le qualità del caffè verde atraverso l'assaggio in espresso, è il compito del torrefattore riuscire ad esprimere al meglio quel singolo caffè per il metodo di preparazione per il quale viene tostato. Lo stesso caffè preparato in filtro, moka, espresso necessiterà un profilo di tostatura differente al fine di rendere al meglio in tazza. Per questo motivo è necessario adottare un preciso e completo protocollo di preparazione e assaggiod el caffè tostato per ciascun metodo di preparazione. In questi anni mi sono occupato di estrazione in espresso e il risultato in tazza dipende da moltissimi fattori che devono essere controllati.
E' bene ricordare che la preparazione in espresso, così come con gli altri metodi di preparazione, inizia con la macinatura: l'utilizzo di un macinacaffè n demand con macine progettate per l'espresso è obbligatorio.

Uno stralcio di alcuni parametri definiti da Umami Espresso protocol sono:
- grinding size: plutimodal distribution around 400 microns
- Time between grinding and extraction: max 2 min
- Water: TDS 200-300 ppm, temperature 88-94 °C (stability +/- 0,5°C)
- Coffee double dose: 15 g +/- 0,1 (allowed only double filter)
- Extraction time: 25 sec +/- 1
- Water pressure: 9 +/- 0,5 bar with max 5 sec pre-infusion
- Espresso dose: 22 g +/- 2
- Espresso cup: capacity 50 ml at 45°C +/- 2


Infine la scheda d'assaggio dove vengono riportate le note riguardanti tutte le caratteristiche sensoriali del caffè è di fondamentale importanza in quanto permette la registrazione delle caratteristiche del caffè e l'eventuale presenza di difetti aromatici, gustativi e tattili. L'assenza di difetti, ovvero la caratteristica del caffè di essere clean è senza dubbio la base di partenza sulla quale il prduttore di caffè e il torrefattore, assieme al barista, possono costruire una tazzina di caffè espresso specialty.

aj.godina@umamiarea.com
 
0 commenti

24/05/2017

di Andrej Godina

World Barista Championship in Honduras

Diario di viaggio di una campionessa. Come fare a vincere due anni consecutivi il titolo di miglior barista dell’Honduras.

classe barista capucas coffee academy Mary.jpg
Un articolo di Andrea Bassetti, Las Capucas - Honduras.

In Honduras gli appuntamenti, gli orari e le tabelle di marcia sono un optional. Dopo avermi raccomandato massima puntualità, mi trovo alle 4 di notte in punto davanti al cancello della cabana, la struttura dove dormo.
Alle 4:15 decido di telefonare a Mari:
“Ciao Mari dove sei?” le dico in maniera un pò apprensiva.
“A casa perché?”. Mi risponde con tutta naturalezza.
“Avevamo appuntamento alle 4”.
“Ah si, fra un po’ arrivo”. Mi saluta e mette giu.
Alle 4:45 finalmente sento il clacson del furgone: Alfredo alla guida, Iris, addetta al controllo qualità del caffè, Mary, detentrice del titolo di miglior barista dell’Honduras, Jesus, suo fratello venuto per assisterla, Lourdes, coach di Mary, ed io tutti insieme all’interno di un veicolo omologato per cinque persone pronti per partire alla volta di Tegucigalpa, capitale honduregna dove Mary si esibirà nella settima competizione che decreterà il miglior barista del paese.
A metà del viaggio Jesus, stanco dell’aria condizionata che Alfredo tiene al massimo, ma soprattutto di essere compresso dietro in mezzo a noi, decide di sfidare la pioggia e, riparato con un telo di plastica si sdraia in mezzo alle valigie sul cassone aperto del furgone.
Il luogo di partenza è Las Capucas, un’oasi magica di pace e natura dove, all’interno di una comunità di due mila persone, 890 soci fanno parte di una cooperativa che con i suoi cinque mila ettari di piantagioni di caffè esporta in 18 paesi in tutto il mondo.
Ognuno dà una tempistica di viaggio diversa che va dalle 5 alle 8 ore. In Honduras non esiste saltare un pasto per cui tra viaggio e pausa cibo in otto ore siamo a Tegucigalpa.
La capitale dell’Honduras, dove avverrà la competizione, è famosa per essere una delle città più pericolose del mondo a causa della grande diffusione del traffico di droga, di armi e dall’elevato numero di bande criminali: se ne contano a migliaia.
Quando arriviamo in albergo infatti le ragazze vanno subito nella struttura accanto all’hotel dove si svolgerà la competizione i due giorni successivi per una riunione, mentre i ragazzi decidono di andare a prendere un caffè in un bar.
Mi propongo di accompagnarli ma mi fanno capire che non è una buona idea poiché il fatto di essere straniero sarebbe un rischio per la mia e la loro incolumità. In città infatti, come in tutta l’Honduras del resto, è difficile incontrare un forestiero.
Dopo essermi fatto una doccia raggiungiamo le ragazze le quali, terminata la riunione, hanno a disposizione due ore per esercitarsi per l’ultima volta prima della gara di domani. Il palazzo è tutto per noi, siamo gli ultimi ad allenarsi.
La squadra è in sintonia, Mari ha provato talmente tante volte che ormai recita la sua parte a memoria e, dopo i settaggi sulla nuova macchina e i soliti inconvenienti dell’ultimo minuto siamo pronti per la sfida. La maglietta rossa di Iris con la scritta “Failure is not an option” sfida l’umiltà che contraddistingue lo spirito della comunità e di tutto il popolo honduregno in generale. Assaggiamo talmente tanti caffè che un’ora dopo essere arrivato sono elettrico.
La macchina da caffè che si userà in competizione è la stessa che abbiamo in cooperativa quindi il settaggio e la familiarità con essa è un compito apparentemente semplice.
In competizione lo stato d’animo e l’emozione giocheranno un ruolo fondamentale. Mezzo secondo di estrazione in più o in meno, una pressatura di caffè leggermente più debole o più forte, una montatura del latte errata o, un leggera differenza sulla miscelazione tra latte e caffè nella preparazione dei 4 macchiati, potrebbero portare all’eliminazione della gara.
La magia del caffè prodotto in maniera artigianale e con la massima attenzione alla qualità è che il risultato del caffè che ne verrà fuori non è mai scontato.
Nelle torrefazioni industriali invece, che usano di base un prodotto di dubbia qualità, per rendere omogeneo e a prova di stupido il caffè tendono ad appiattirne il gusto finale con una tostatura breve e aggressiva che risalta solamente il sapore amaro annullando tutte le sfaccettature aromatiche che dovrebbero rendere un caffè speciale ed unico.
La sera decidiamo di mangiare in un noto fast food, che divide la struttura con altri due punti ristoro simili. Mentre ci gustiamo il nostro panino sentiamo un forte rumore provenire dalla sala. Una piastrella grande e pesante si è staccata dal soffitto ed è caduta per terra andando a finire sui divanetti del tavolo vicino a noi. Per fortuna il tavolo era vuoto altrimenti qualcuno sarebbe dovuto correre perlomeno in ospedale. Tra l’indifferenza dei commessi notiamo che sotto ad un altro tavolo vicino a noi ci sono i resti di un’altra piastrella. Alziamo gli occhi per vedere la condizione della nostra parte di soffitto, ci affrettiamo a finire la cena e ce ne andiamo in albergo.
 
Il giorno della competizione è arrivato. Mi imbelletto per bene, sfodero una camicia tutta ciancicata che avevo nello zaino e raggiungo le ragazze le quali, sono intente a truccarsi a vicenda.
Io e Iris andiamo verso il luogo di gara mentre Mari e Lourdes decidono, per stemperare la tensione, di andare dal parrucchiere a farsi belle.
Dopo aver preso il pass ci dirigiamo verso la sala dove avverrà la competizione. L’inizio è previsto alle 9 ma al momento del nostro arrivo alle 9:30 ancora deve cominciare il tutto.
I partecipanti sono 10 ma solamente 5 passeranno alla fase successiva di domani dove si decreterà il vincitore che l’anno successivo andrà a Seul per affrontare la competizione mondiale. I partecipanti hanno a disposizione 15 minuti per prepararsi e allestire il banco e 15 minuti per esibirsi. Ho assistito alle prove dell’esibizione di Mari talmente tante volte che ormai la so anch’io a memoria.
La prova consiste nel preparare  4 espressi, 4 macchiati e 4 caffè di fantasia.
L’attenzione nella preparazione e la qualità dei prodotti scelti da Mary e la sua squadra è indiscutibile ma la vera sorpresa avviene con la preparazione dell’ultimo dei 3 caffè grazie ad una realizzazione molto particolare. La ricetta è la seguente: utilizzando il metodo di estrazione caffè syphon, si macera  uva e mela cotogna con dell’acquasi filtra e la si unisce a 4 caffè espressi immersi in un bricco ghiacciato, si frulla poi il tutto con del miele di melipone, un particolare tipo di miele prodotto da una specie di api che non punge, e si versa il contenuto in dei bicchieri di vetro precedentemente posti a testa in giù con all’interno dei petali di rosa, gelsomino e menta. Il risultato al palato è una bevanda piacevolmente fresca con un’ottima dolcezza e dei sentori floreali entusiasmanti.
Alle 10:04 il presentatore inizia a fare gli onori di casa dando il via alla competizione.
La giuria è composta da 4 giudici sensoriali, 2 tecnici che monitorano la qualità tecnica, 2 supervisori e un leader.
Il primo partecipante, troppo emozionato, oltre a non parlare durante tutta l’esibizione non spiegando ciò che stesse facendo, non riesce neanche a stare dentro i 15 minuti cosi, al sedicesimo minuto, la giuria è costretta ad interrompere l’esibizione prima del completamento.
Il secondo, Jose, è il vero rivale di Mari. L’unico davvero temuto dalla nostra squadra.
Prima della sua esibizione la curiosità del pubblico cresce e si fa sentire. Dopo un lungo applauso il partecipante incomincia la sua esibizione con tutto il pubblico in piedi a filmare e fare foto.
Anche lui però è tradito dall’emozione, infatti al momento di porgere un cappuccino ad un giudice un po’ di latte cade sporcando il tavolo e, come se non bastasse, il leader durante l’esibizione è costretto ad intervenire spegnendo 4 piccole fiamme che erano sotto ad un liquido aromatizzato che stava uscendo fuori.
Dopo questa presentazione decidiamo di andare a mangiare qualcosa.
Andiamo a prendere Mari che stava ancora nel salone di bellezza e ci dirigiamo verso l’hotel.
Prima di uscire per ritornare alla gara assisto e vengo coinvolto in un rituale emozionante. Mari, al centro, è circondata da tutti noi che ci teniamo per mano. Il fidanzato di Mari, appena arrivato dopo un lungo viaggio per starle accanto, dà il ritmo ad una preghiera improvvisata invocando dio per assisterci durante questo cammino. Ascolto in silenzio la sua preghiera e quella di tutti gli altri che fanno la stessa cosa sottovoce.
Ormai sono parte integrante della squadra e questo mi fa sentire emozionato per la competizione tanto quanto loro.
Arrivati di nuovo al torneo assistiamo all’esibizione del vero avversario da battere. Un ragazzo Honduregno di origine americane, produttore di caffè, ben vestito e dotato di grande presenza scenica stupisce il pubblico e tutti noi con un’ottima esibizione senza sbavature.
E’ arrivato il nostro turno. Mari è l’ultima sfidante e fino a questo momento è rimasta dietro le quinte a preparare i suoi strumenti di lavoro senza guardare l’esibizione dei suoi avversari.
L’agitazione degli honduregni è difficile da riconoscere. Mari è sempre sorridente e Iris non lascia trasparire le sue emozioni anche se all’orecchio mi dice di essere emozionatissima.
L’esibizione è da manuale. Ottima presentazione, tecnica corretta e risultato come da copione.
Mari non sembra sentire la pressione dell’evento e del pubblico. Si comporta in maniera attenta e disinvolta come durante le prove in cooperativa. I 4 espressi vanno bene, idem per i macchiati. Quando è il momento del terzo e ultimo caffè, quello di fantasia, mi accorgo che si sta allungando troppo coi tempi tanto che ad un minuto dalla fine i giudici ancora non hanno davanti il loro caffè.
Lourdes e Iris, rosse in volto, cominciano a far trasparire la loro palpitazione. Chiude l’esibizione con 26 secondi di ritardo, ma questo non è un errore fatale dato che i giudici concedono un minuto extra time di tolleranza.
Dopo l’esibizione la tensione scende e Mari inizia a recriminare i piccoli errori che secondo lei ha commesso prima di consolarsi appellandosi a Dio: “Dio ha un piano, io sono il suo strumento”.
La tabella di marcia ovviamente è saltata, sono le 20 passate e la gara doveva terminare alle 18.  Mentre le ragazze, incuranti del tempo che scorre, chiacchierano dell’esibizione, gli organizzatori ci vengono a chiamare avvisandoci che è arrivato il momento delle premiazioni.
5 baristi passeranno alla fase successiva di domani. Tutti e 10 gli sfidanti sono posizionati davanti al presentatore il quale inizia ad elencare i qualificati cominciando proprio dallo sfidante più temuto dalla squadra. Il secondo è Andy, l’americo-honduregno. A seguire il terzo e il quarto. Mari sempre sorridente e impassibile ancora non è stata chiamata. Manca l’ultimo qualificato, uscire dalla competizione significherebbe buttare al vento mesi di duro lavoro. Il battito cardiaco mi diventa più accelerato fino a quando il presentatore non annuncia l’ultimo qualificato: “Mari Portillo”.
Tiriamo un sospiro di sollievo ed andiamo ad abbracciare la detentrice del titolo.
Poco dopo ci raggiunge Javier, un amico di Mari venuto per darle supporto direttamente da San Pedro Sula, la seconda città più grande dell’Honduras.
Tornando a casa chiedo a Javier quanto c’è di vero sul fatto che l’Honduras, e in particolare le due più grandi città, sono considerate pericolose. Mi risponde dicendo che dopo esser nato e vissuto nella tranquilla Santa Rosa, la cittadina più vicina alla cooperativa, si è trasferito per motivi di studio a San Pedro Sula dove, negli ultimi 4 mesi, è stato rapinato due volte.
Tuttavia mi rassicura dicendomi che dopo aver imparato la lezione ora sa come evitare determinate circostanze.
“dopo il secondo furto il cellulare lo nascondo dentro ad un quaderno tagliato per l’evenienza” mi dice.
“hai preso spunto dal film le ali della libertà?” gli chiedo.
“no, è stata una mia idea”.
Dopo cena, arrivati in albergo, scopro che Mari e il ragazzo non dormono assieme per motivi religiosi e culturali.
Dopo vari spostamenti di camera, data l’aggiunta dei due nuovi ospiti, andiamo a dormire: maschi da una parte e femmine da un’altra.
 
Dopo la lunga giornata di ieri mi sveglio più stanco del solito.
Per gli honduregni invece la mattina ha sempre l’oro in bocca cosi, durante la colazione, mentre loro sono intenti a ridere e scherzare, io cerco di raccogliere le forze per svegliarmi del tutto. Dopo il rito di preghiera ci dirigiamo verso la competizione che, come al solito è in ritardo. Mari è la terza ad esibirsi. Il secondo è Andy che conferma la sua bravura realizzando un’ottima esibizione ma con dieci secondi di ritardo. Mary come il giorno precedente non guarda nessuno dei suoi avversari e, fino all’ultimo secondo, è impegnata a trovare la perfetta macinatura del caffè che userà per la gara.
La dose di caffè macinato universalmente riconosciuta per preparare un espresso è di 7 grammi ma Mary per la sua preparazione ne userà 10. Tendenzialmente le miscele usate nei bar italiani hanno un gusto molto amaro, poco dolce, quasi sempre astringente e con sentori di terra e bruciato, dovuto anche all’utilizzo della specie robusta utilizzata in quantità più o meno elevate. Mary ovviamente userà un caffè di sola arabica, con un gusto ben bilanciato, dolce e delicato tanto da potersi permettere di utilizzare una maggiore quantità nella preparazione.
Il grado di macinatura quindi gioca un ruolo fondamentale per la corretta riuscita dell’espresso poiché il nostro obiettivo è quello di estrarre venti ml di caffè per tazzina in venti secondi.
Iris e Lourdes sono molto agitate a differenza di Mary che rimane sempre lucida e sorridente.
L’esibizione va come deve andare e Mari chiude la sfida con un minuto di anticipo. La tensione comincia a scendere sul volto di tutti noi. Ora è il momento degli abbracci e delle foto.
Nell’attesa della premiazione Alfredo, l’autista che ci ha portati fino a qui, mi intrattiene col suo racconto amoroso. Ha più di 40 anni e un figlio di due. In Honduras per fidanzarsi o sposarsi bisogna chiedere il permesso al padre della donna il quale, può accettare, prendersi del tempo o rifiutare senza neanche fare entrare in casa propria il pretendente. Qualora il padre decidesse di accettare è lui che detta le regole che la coppia deve seguire. Nel caso di Afredo l’inizio è stato traumatico poiché il padre della sua futura fidanzata, il giorno della presentazione ufficiale, non solo non lo ha fatto entrare in casa ma lo ha minacciato di andarsene con una pistola. Alfredo innamorato e caparbio non ha desistito e ha passato due anni vedendola di sfuggita una volta al mese. Col passare del tempo è riuscito a far cambiare idea al padre che ora lo tratta come un figlio.
Le esibizioni sono terminate, i giudici sono riuniti in una stanza per scegliere chi a novembre andrà a Seul a portare in alto il nome dell’Honduras ai campionati mondiali di barista.
L’attesa estenuante accresce la suspance e la tensione. Dopo più di un’ora dalla fine dell’esibizione i giudici sono ancora riuniti nella “camera di consiglio”.
Finalmente il presentatore prende il microfono e comincia coi ringraziamenti di rito prima di accogliere i giudici.
Successivamente vengono fatti salire sul palco tutti e cinque i finalisti. Il presentatore ora può cominciare ad annunciare la classifica partendo dal quinto classificato. I primi due nomi sono quasi scontati, almeno il podio per Mary non è messo in discussione. Lo dividerà con Jose e Andy. E’ proprio quest’ultimo a essere chiamato come terzo classificato. Rimane quindi a giocarsi il titolo insieme a lei Jose, il più temuto sulla carta dalla nostra squadra.
A questo punto la tensione si taglia col coltello.
Jose non riesce a trattenere l’emozione al contrario della sua avversaria apparentemente calma e sorridente.
Lourdes e Iris scoppiano in un pianto incontrollato fino a che il presentatore, con la classica canzone di sottofondo dei Queen “we are the champions” non annuncia al pubblico il nome del vincitore: “Mari Portillooooo”.
Fino a quel momento impassibile Mary si inginocchia con le lacrime al volto e i pugni chiusi prima di essere presa d’assalto da tutti noi in estasi. Abbracci, pianti e congratulazioni si sprecano. Una lunga fila di persone è in coda per fare una foto con la nostra Mary che orgogliosa tiene in alto la coppa del primo classificato portandosi a casa per il secondo anno consecutivo il titolo di miglior barista dell’Honduras.
 
 
0 commenti